Home Cosvig Turismo, Amiata: Dalla prima variazione del bilancio regionale 500mila euro per il...

Turismo, Amiata: Dalla prima variazione del bilancio regionale 500mila euro per il turismo sull’Amiata

641
0
CONDIVIDI
Destinato alle Amministrazioni parte delle Unioni dei Comuni dell’Amiata – Val d’Orcia e dell’Amiata grossetana un contributo straordinario

Fonte: Rinnovabili&Territorio

Autore: Redazione

All’interno di un bilancio che vale oltre 10 miliardi di euro ammonta a circa 76milioni di euro (25 per il 2018, 26 per il 2019 e altri 25 per il 2020) la prima variazione al Bilancio di previsione 2018-2020 della Regione Toscana, approvata a maggioranza dal Consiglio Regionale, con un particolare focus su alcune aree territoriali tra cui l’Amiata.
Nella variazione di bilancio rientra difatti anche «il contributo di 500 mila euro per il cofinanziamento di interventi infrastrutturali che miglioreranno la fruizione turistica in Amiata – dichiara il capogruppo PD in consiglio regionale Leonardo Marras – Si tratta di un nuovo stanziamento, dopo quello di qualche mese fa che ammontava a 100mila euro, con cui la Regione Toscana sostiene il progetto promosso e condiviso da Comuni e operatori del territorio per il rilancio del turismo sul nostro bel Monte Amiata».
Come spiegano dal Consiglio Regionale, la variazione sul bilancio di previsione per l’anno 2018 è stata possibile grazie a un’intesa in Conferenza Stato Regioni, che nella finanziaria ha liberato risorse per 15 milioni di euro, cui se ne sono aggiunti ulteriori 7 da fondi di riserva e 2 da economie realizzate su varie voci.
Nel dettaglio, per quanto riguarda il territorio amiatino risulta «destinato ai Comuni che fanno parte dell’Unione dei Comuni dell’Amiata – Val d’Orcia e Amiata grossetana un contributo straordinario di 500mila euro per opere pubbliche destinate a migliorare l’attrattiva turistica del territorio, quali le infrastrutture per il turismo invernale (impianti di risalita e innevamento) e il turismo estivo all’aria aperta (sentieri, percorsi trekking, punti di sosta e ristoro)».