Home Geotermia News Ciclismo, la Strade bianche porta 6500 appassionati a lambire le terre della...

Ciclismo, la Strade bianche porta 6500 appassionati a lambire le terre della geotermia

Lazzeri (Enel): «Un grande piacere essere partner di un evento che esalta lo sport, il paesaggio e la regione da secoli patria della geotermia»

2146
0
CONDIVIDI

Lazzeri (Enel): «Un grande piacere essere partner di un evento che esalta lo sport, il paesaggio e la regione da secoli patria della geotermia»


Prenderà il via il 5 marzo l’edizione 2023 della “Gran Fondo Strade Bianche Enel Green Power”, proponendo un percorso con panorami mozzafiato, con circa 42 km di strade sterrate divise in 9 settori (alcuni “inediti” per le corse uomini e donne), con fulcro Siena: partenza in zona Stadio/Fortezza Medicea, arrivo al Campo.

Si tratta di una grande occasione per tutti i ciclisti amatori che vorranno vivere una domenica da professionisti, percorrendo i tratti di sterrato che il giorno prima verranno percorsi dai grandi campioni del ciclismo mondiale.

Un’opportunità che è già andata sold out, richiamando 6500 appassionati da tutto il mondo.

«La Gran Fondo Strade Bianche – spiega Francesco Lazzeri, responsabile esercizio impianti geotermici Enel Green Power – per la vocazione stessa del suo nome e dei suoi meravigliosi percorsi, è un inno alla sostenibilità e alla bellezza dei nostri territori che, nella provincia senese, comprendono anche le aree geotermiche che costituiscono una parte del ‘cuore caldo’ di Toscana. È quindi per noi un grande piacere essere partner di un evento che esalta lo sport, il paesaggio e la regione da secoli patria della geotermia. Proprio in queste terre circa 200 anni fa è cominciato l’utilizzo chimico della risorsa geotermica, seguito dopo 100 anni da quello elettrico ed oggi Enel Green Power gestisce impianti in Italia, Nord e Sud America ed è tra i leader globali per questa tecnologia, il cui sviluppo si fonda sulla sostenibilità e sull’innovazione».

In provincia di Siena come nel resto dei territori geotermici, questa fonte rinnovabile genere elettricità e calore in modo sostenibile, ma supporta anche in molti altri modo lo sviluppo del territorio.

Ad esempio «genera un flusso turistico di oltre 60mila visite annue – ricorda Lazzeri – Si tratta di un percorso possibile grazie a partnership con realtà di eccellenza internazionale come le Strade Bianche. e alla sinergia con le Istituzioni ed il tessuto associativo delle aree geotermiche».

Non a caso la sostenibilità è il filo conduttore di tutta l’iniziativa, e non solo per quanto riguarda la rinnovabilità dell’energiama anche della materia.

Per questa edizione 2023 della Gran Fondo Strade Bianche Enel Green Power, RCS Sport e SEI Toscana (il gestore unico, dal 1° gennaio 2014, del servizio integrato dei rifiuti urbani nelle province dell’ATO Toscana Sud) lanciano infatti il progetto Ride Green Strade Bianche (sia gara pro sia la Gran Fondo) che mira a rendere la corsa sempre più sostenibile.

Durante la manifestazione, nella zona della Fortezza medicea di Siena e nelle aree ristori, SEI Toscana posizionerà infatti dei punti di raccolta per differenziare correttamente i rifiuti e avviarli a riciclo, cercando di limitare al massimo l’impatto sul territorio senese che dal 2011 ha raggiunto il traguardo della carbon neutrality (anche grazie alla geotermia).

«Siamo orgogliosi di essere fra i partner di questa prestigiosa manifestazione sportiva – commenta il presidente di Sei Toscana, Alessandro Fabbrini – La corretta gestione dei rifiuti è fra le azioni che contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità, portando ad un abbattimento delle emissioni di CO2 in atmosfera e al risparmio nell’utilizzo delle risorse naturali».