Home Geotermia News Radicondoli taglia i costi dell’elettricità a famiglie e imprese, grazie alle risorse...

Radicondoli taglia i costi dell’elettricità a famiglie e imprese, grazie alle risorse geotermiche

Dal Comune due bandi per rimborsare fino al 30% della spesa 2022. Il sindaco Guarguaglini: «È il primo impegno che ci siamo presi con WivoaRadicondoli 2.0 e ora è già realtà»

701
0
CONDIVIDI

Dal Comune due bandi per rimborsare fino al 30% della spesa 2022. Il sindaco Guarguaglini: «È il primo impegno che ci siamo presi con WivoaRadicondoli 2.0 e ora è già realtà»


In Toscana le centrali geotermiche coltivano il calore rinnovabile naturalmente presente nel sottosuolo, e riescono già a produrre tanta energia elettrica da poter soddisfare oltre il 30% del fabbisogno regionale di elettricità.

Elettricità che è però immessa nella rete elettrica nazionale, e dunque non offre condizioni di particolare vantaggio nelle bollette degli utenti locali (come invece avviene per il teleriscaldamento), almeno direttamente; in attesa di possibili evoluzioni della normativa nazionale, il Comune di Radicondoli ha dunque scelto di impiegare parte delle royalties geotermiche proprio per questo scopo.

Di concerto col Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche (CoSviG) sono stati pubblicati i bandi per le famiglie e per le imprese, che possono adesso fare domanda per ottenere un contributo che ristora l’aumento dell’energia elettrica nel 2022 del 30%: ci sono fino a 400€ a famiglia (bando in scadenza il 15 febbraio) e 5mila€ a impresa (28 febbraio).

Le due opportunità fanno parte del progetto WivoaRadicondoli 2.0, ovvero quel complesso di investimenti che negli ultimi tre anni ha portato Radicondoli a crescere da 904 fino a 950 residenti e a vedere l’apertura di 17 nuove attività, in controtendenza rispetto al trend di prevalente spopolamento nei piccoli borghi.

«È il primo impegno che ci siamo presi con WivoaRadicondoli 2.0 e ora è già realtà – commenta il sindaco Francesco Guarguaglini – A breve usciranno anche le altre opportunità che fanno parte dell’intero progetto per un importo complessivo di 641.000 euro, 425mila per famiglie e abitazioni e 216mila per le imprese. In pratica un secondo PNRR in formato comunale per sostenere lo sviluppo del territorio. Abbiamo dato priorità a quella che è una vera emergenza: ovvero il costo dell’energia. Il costo del riscaldamento noi lo abbattiamo con il teleriscaldamento, ovvero con il calore che arriva dalla geotermia, e dove non è ancora arrivato con i bandi ad hoc destinati alle rinnovabili e alle fonti di calore. Ora interveniamo anche sui costi dell’energia elettrica».

Tutto grazie alle risorse economiche garantite dalle royalties geotermiche, la fonte di finanziamento dell’intero progetto WivoaRadicondoli 2.0.

Nel frattempo sempre a Radicondoli – come del resto accade in altri 8 Comuni sede d’impianto geotermico – da anni il teleriscaldamento alimentato dai cascami delle centrali geotermiche permette già (anche al di là dell’attuale fase di crisi energetica) bollette più che dimezzate per riscaldamento e acqua calda.