Home Geotermia News Geotermia: la produzione geotermoelettrica italiana dell’ultimo anno, spiegata

Geotermia: la produzione geotermoelettrica italiana dell’ultimo anno, spiegata

La manutenzione avviata a dicembre nel più grande impianto geotermico d’Europa spinge il dato al ribasso, ma il trend rimane in linea con quello del 2018

3960
0
CONDIVIDI

La manutenzione avviata a dicembre nel più grande impianto geotermico d’Europa spinge il dato al ribasso, ma il trend rimane in linea con quello del 2018


L’ultimo rapporto mensile pubblicato da Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale, offre l’occasione per fare il punto sui consumi di energia elettrica registrati in Italia nel corso dell’ultimo anno, con un focus particolare incentrato su dicembre.

Secondo i primi dati provvisori elaborati da Terna, il totale dell’energia elettrica richiesta in Italia nel 2019 ammonta a 319,6 miliardi di kWh (-0,6% rispetto al 2018), con le fonti di energia rinnovabile che hanno soddisfatto il 35,3% della domanda elettrica italiana: un valore in crescita (+0,6%) rispetto al 34,7% del 2018.

Restringendo il campo d’osservazione al solo mese di dicembre la performance risulta ancora migliore: la richiesta di energia elettrica è stata infatti soddisfatta per il 49% della produzione da fonti energetiche non rinnovabili, per il 38% da fonti energetiche rinnovabili e la restante quota dal saldo estero.

In questo contesto, il contributo offerto dalla geotermia risulta in leggero calo. Secondo i dati riportati da Terna, nel corso del 2019 la produzione geotermoelettrica è arrivata a quota 5.687 GWh, contro i 5.756 GWh relativi all’intero 2018 (-1,2%); Terna segnala in particolare un calo marcato nella produzione geotermoelettrica nel mese di dicembre 2019, quando dal calore del sottosuolo sono arrivati 461 GWh contro i 498 GWh di dicembre 2018 (-7,4%). Come mai?

Da Enel Green Power – che ad oggi gestisce in Toscana tutte e 34 le centrali geotermoelettriche attive sul territorio nazionale – spiegano che proprio a dicembre è stata avviata l’attività di manutenzione per la centrale di Valle Secolo a Larderello, ovvero il più grande impianto geotermico d’Europa con 120 MW di potenza istallata.

«La minor produzione di questa centrale – dettagliano da Enel – ha fatto registrare il calo relativo a dicembre» ma «nel complesso dell’anno, proprio al netto di Valle Secolo e di altre manutenzioni più circoscritte, siamo praticamente in pari con il 2018».

I dati Enel (dai quali emerge una piccola differenza con quelli riportati da Terna) riportano infatti una produzione geotermoelettrica di 5.689 GWh lungo il 2019, contro i 5.708 GWh del 2018: uno scarto dello 0,3%.