Home Geotermia News Da CoSviG e Comune di Radicondoli risorse geotermiche contro la crisi energetica

Da CoSviG e Comune di Radicondoli risorse geotermiche contro la crisi energetica

Al via due bandi rivolti ai cittadini residenti. Guarguaglini: «È un impegno che noi ci prendiamo per i cittadini, per restituire loro ciò che viene eroso dall’inflazione»

178
0
CONDIVIDI

Al via due bandi rivolti ai cittadini residenti. Guarguaglini: «È un impegno che noi ci prendiamo per i cittadini, per restituire loro ciò che viene eroso dall’inflazione»


Quest’anno il Comune di Radicondoli – con la collaborazione del Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche (CoSviG) – mettono in campo un doppio intervento per calmierare i prezzi energetici.

Non solo l’ormai tradizionale intervento a supporto di coloro che non possono allacciare la propria abitazione al teleriscaldamento geotermico, che di per sé taglia di oltre la metà la bolletta per gli utenti rispetto all’impiego dei combustibili tradizionali, ma anche un’iniziativa tarata sulla crisi energetica in corso: in entrambi i casi, per chiedere di accedere alle risorse messe a bando, i cittadini residenti hanno tempo fino al 31 ottobre prossimo (salvo esaurimento fondi).

«Sosteniamo chi impiega fonti rinnovabili per il riscaldamento grazie ai fondi della geotermia, che è già per sé una rinnovabile importantissima, e diamo una mano contro l’aumento spropositato dell’energia elettrica che in questo periodo post COVID e con la drammatica guerra in Ucraina ancora in corso, si è determinato – afferma Francesco Guarguaglini, sindaco di Radicondoli – In un tempo davvero incredibile in cui viviamo, di forte crisi energetica, è un impegno che noi ci prendiamo per i cittadini, per restituire loro ciò che viene eroso dall’inflazione. Anche questa è qualità della vita. Anche questo fa parte di quella rete puntuale di progetti e previsioni che costituiscono WivoaRadicondoli».

Più nel dettaglio, il primo bando – denominato Avviso pubblico per l’erogazione di contributi per le spese relative ai consumi per il riscaldamento domestico e acqua calda sanitaria a seguito dell’emergenza Covid-19 e della crisi energetica stagione termica 2021-2022 e già disponibile sulla pagine CoSviGè rivolto a coloro che non sono ancora allacciati alla rete di teleriscaldamento, né hanno potuto usufruire dei contributi per le spese legate a combustibili da energie rinnovabili già attivate dal Comune e da CoSviG.

L’importo complessivo investito dall’amministrazione è di 40.000 euro; il contributo massimo erogabile è pari al 50% della spesa effettivamente sostenuta, IVA esclusa, mentre per la spesa ammissibile relativa ai consumi del periodo 1 maggio 2021-31 maggio 2022 il contributo per l’acquisto del combustibile non potrà superare 800 euro.

L’Avviso pubblico per l’erogazione di contributi per le spese relative ai consumi per il riscaldamento domestico e acqua calda sanitaria tramite fonti energetiche rinnovabili stagione termica 2021-2022, pubblicato qui, nasce direttamente dalle risorse geotermiche individuate in seno all’Accordo generale della geotermia del 2007.

Anche in questo caso l’immobile per il quale viene richiesto il contributo deve essere nel Comune di Radicondoli e non deve essere fra quelli connessi all’impianto di teleriscaldamento geotermico o che ricadano tra quelli attualmente allacciabili.

Il combustibile su cui verrà chiesto il contributo potrà essere legna da ardere, oppure pellet, biomasse combustibili, con un contributo massimo erogabile pari al 70% della spesa effettivamente sostenuta, IVA esclusa.

Guardando alla spesa ammissibile relativa ai consumi del periodo di riferimento del bando (dal 16 ottobre 2021 al 15 ottobre 2022), il contributo non potrà superare 1.000 euro nel caso in cui il rendimento a carico nominale della caldaia/stufa installata sia uguale o inferiore al 90%, mentre sale a 1.200 euro in caso il rendimento sia superiore al 90%, incentivando così interventi di efficienza energetica.