Home Geotermia News Quali incentivi per la geotermia nel Fer 2? La proposta dell’Unione geotermica...

Quali incentivi per la geotermia nel Fer 2? La proposta dell’Unione geotermica italiana

È necessario incentivare diverse tipologie d’impianto «ad alto rendimento ambientale» per considerare la specificità della risorsa geotermica in ciascun sito. A rischio un comparto industriale made in Italy da 3mila posti di lavoro più l’indotto

586
0
CONDIVIDI

Nell’autunno del 2018 fa la geotermia italiana si è trovata per la prima volta senza quegli incentivi garantiti alle altre fonti rinnovabili per la produzione di energia elettrica, dato che il primo Governo Conte ha deciso di stralciarla dal decreto Fer 1 arrivato poi in Gazzetta ufficiale ad agosto. Da un anno a questa parte l’Unione geotermica italiana (Ugi, ovvero l’associazione indipendente, apartitica, apolitica e senza fini di lucro che rappresenta il settore) si è spesa molto per spiegare la necessità di un rapido ritorno degli incentivi e torna oggi alla carica scrivendo ai ministeri dello Sviluppo economico e dell’Ambiente – oltre che ai presidenti e agli assessori competenti delle Giunte regionali italiane – per chiedere che all’interno del Fer 2 «la geotermia, esclusa dal precedente decreto Fer 1, venga sostenuta e riconosciuta come tecnologia di grande potenzialità energetica e di eccellenza nel nostro Paese, permettendole di essere sostenuta adeguatamente»…continua