Home Geotermia News Grazie alla geotermia l’Università di Pisa diventa più sostenibile

Grazie alla geotermia l’Università di Pisa diventa più sostenibile

Inaugurato in pieno centro il nuovo Polo della Memoria San Rossore 1938: 3mila metri quadri per 1.278 posti a sedere, 11 aule e 4 laboratori, climatizzati grazie a 3 pozzi e 38 sonde geotermiche

9239
0
CONDIVIDI

Inaugurato in pieno centro il nuovo Polo della Memoria San Rossore 1938: 3mila metri quadri per 1.278 posti a sedere, 11 aule e 4 laboratori, climatizzati grazie a 3 pozzi e 38 sonde geotermiche


Ottantanove tonnellate di CO2: sono le emissioni climalteranti che, grazie al calore della geotermia naturalmente presente nel sottosuolo, il nuovo polo didattico dell’Università di Pisa potrà evitare ogni anno: si tratta del Polo della Memoria San Rossore 1938, inaugurato pochi giorni fa in pieno centro – si trova a poche centinaia di metri in linea d’aria dalla Torre Pendente – dal rettore Paolo Mancarella insieme alla presenza dell’assessore comunale Paolo Pesciatini, del prorettore per l’Edilizia e il patrimonio, Walter Salvatore, e dei progettisti che hanno ideato e realizzato l’edificio, tra cui l’architetto Alessandro Melis dello studio Heliopolis H21 (in collegamento da Londra) e l’ingegner Fabio Bianchi dell’Ateneo.

Come spiegano dall’Università di Pisa, l’edificio si sviluppa su circa 3.000 metri quadri di superficie, dove ospita 1.278 posti a sedere, 11 aule e 4 laboratori.

Situato all’angolo tra via Risorgimento e via Nicola Pisano, è nato su un’area che, a seguito di una riconversione di ex stabilimenti farmaceutici, è stata oggetto di una profonda bonifica ambientale: «È un Polo didattico che guarda al futuro, sia dal punto di vista della sostenibilità ambientale che dell’accessibilità – ha detto il rettore nel suo saluto – Un luogo luminoso, privo di qualsiasi barriera architettonica, dotato di infrastrutture moderne, sicuro e inclusivo. Sono convinto che darà un nuovo impulso alle nostre attività di ricerca e di didattica. Un’università come la nostra, per rimanere un’eccellenza ha bisogno di strutture di questo genere. Ne approfitto per ringraziare i nostri concittadini per la pazienza con cui hanno sopportato i disagi inevitabili dovuti a lavori che sono durati a lungo. Ma per la sua realizzazione è stato necessario bonificare tutta l’area e questo non potrà che avere un riflesso positivo sulla qualità della vita di questa parte di città».

L’edificio presenta caratteristiche che lo rendono all’avanguardia sul piano della sostenibilità ambientale: come già accennato, è dotato di un sistema geotermico misto con 3 pozzi geotermici e 38 sonde geotermiche che alimentano due distinte pompe di calore (grazie a questo sistema sarà possibile ridurre o eliminare del tutto l’attuale alimentazione a metano per l’edificio esistente su via Trieste, con ulteriori vantaggi ambientali); l’irrigazione e i servizi igienici sono alimentati tramite recupero delle acque piovane; l’intensità dell’illuminazione è regolata in funzione della luce naturale.

Sul piano delle caratteristiche strutturali l’edificio è dotato di un sistema integrato per l’accessibilità di non vedenti e ipovedenti, con sensori programmabili per garantire un’accessibilità uditiva.

Il nome “Polo della Memoria San Rossore 1938”, fortemente voluto dal rettore, è stato scelto per richiamare alla memoria collettiva la “Cerimonia del ricordo e delle scuse” celebrata nel 2018 in occasione dell’80° dalla firma delle Leggi Razziali: «Con la scelta di questo nome vogliamo rinnovare in modo solenne un impegno – ha spiegato Mancarella – quello di difendere e promuovere i valori della democrazia, della libertà, dell’eguaglianza, della fratellanza e del diritto alla dignità di ciascun essere umano».