Home Geotermia News Geotermia: Incentivi, dal Governo sostegno per l’iter europeo del FER2

Geotermia: Incentivi, dal Governo sostegno per l’iter europeo del FER2

Nardini: il ministro Provenzano ha «confermato che il decreto per il ripristino degli incentivi per la geotermia è pronto»

159
0
CONDIVIDI

Nardini: il ministro Provenzano ha «confermato che il decreto per il ripristino degli incentivi per la geotermia è pronto»


Nel giugno del 2019, ovvero due mesi prima che il decreto FER1 fosse pubblicato in Gazzetta Ufficiale, dalla Commissione Europea arrivò il necessario via libera al regime di sostegno alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili in Italia.

Nel testo, come noto, non erano presenti gli incentivi legati alla fonte geotermica, attesi nel FER2 che dovrà seguire il medesimo iter europeo prima del via libera formale.

A spiegarlo è il ministro per la Coesione Territoriale, Giuseppe Provenzano, giunto a Volterra nei giorni scorsi durante una visita organizzata dalla consigliera regionale Alessandra Nardini.

Come riassume Nardini, il ministro ha «confermato che il decreto per il ripristino degli incentivi per la geotermia è pronto, come già dichiarato dalla sottosegretaria Morani», e che dal Governo c’è l’impegno «a supportare l’iter a livello europeo».

Per il decreto FER1 l’ok arrivò da Margrethe Vestager, in qualità di commissaria responsabile per la Concorrenza, sottolineando che «un maggior utilizzo di energie rinnovabili nella produzione di energia è essenziale per il futuro del nostro pianeta e dell’ambiente. Il regime da 5,4 miliardi di euro aumenterà il livello della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili in Italia. Questo è in linea con gli obiettivi ambientali dell’UE e con le nostre norme comuni in materia di aiuti di Stato».

Nel frattempo gli obiettivi ambientali e di sviluppo sostenibili avanzati dall’UE sono diventati ancora più stringenti, attraverso il Green Deal e la revisione in programma per gli obiettivi di riduzione di gas climalteranti, che dovranno condurre l’Europa a tagliare del 50-55% le proprie emissioni rispetto al 1990 (attualmente il target è -40%) entro il 2030.

Un contesto dove anche la produzione di elettricità da geotermia può offrire un contributo fondamentale.

Il decreto FER2, atteso da tempo, però ancora non è stato pubblicato: nell’ultimo incontro al Ministero dello Sviluppo Economico, come riportato a giugno dal governatore della Regione Toscana Enrico Rossi, la sottosegretaria Alessia Morani «ha assicurato che gli incentivi per la geotermia erano stati reintrodotti e che l’atto sarebbe uscito entro l’estate, dopo il parere delle Politiche Agricole».

Una posizione ribadita a metà luglio anche dal ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli: «Il Ministero dello Sviluppo Economico sta lavorando per concludere al più presto il DM FER2, il quale è stato aggiornato con le disposizioni legislative intervenute in materia di biogas e biomasse ed al momento è oggetto di confronto con i ministeri dell’Ambiente e delle Politiche Agricole, chiamati a esprimere il proprio concerto».