Home Geotermia News Geotermia: a Santa Fiora, per turismo e aiuti alle imprese bandi da...

Geotermia: a Santa Fiora, per turismo e aiuti alle imprese bandi da 130mila euro grazie alla geotermia

Il sindaco Balocchi: «Santa Fiora ha registrato negli ultimi anni un trend positivo di turismo e questo ci riempie di soddisfazione ma, di fatto, mancano le strutture ricettive e abbiamo l’esigenza di aumentare i posti letto»

218
0
CONDIVIDI

Il sindaco Balocchi: «Santa Fiora ha registrato negli ultimi anni un trend positivo di turismo e questo ci riempie di soddisfazione ma, di fatto, mancano le strutture ricettive e abbiamo l’esigenza di aumentare i posti letto»


Un nuovo aiuto alle imprese a seguito del grave impatto economico causato dall’emergenza sanitaria da Covid-19, oltre a contributi ad hoc finalizzati ad incentivare l’apertura, l’ampliamento e la ristrutturazione delle strutture ricettive con sede nel territorio di Santa Fiora: sono questi gli ultimi due bandi messi in evidenza dal Comune – dei sette recentemente pubblicati tramite CoSviG, il Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche – che traggono le risorse economiche dalle royalties legate alla coltivazione della geotermia.

Il bando per gli aiuti alle imprese riguarda in particolare le attività di somministrazione di alimenti e bevande, alle attività ricettive turistiche e agli agriturismi con un quantitativo di camere non inferiore a 4; alle aziende di pastorizia e allevamento del settore lattiero e caseario.

«Sono questi, almeno sul nostro territorio, i settori maggiormente penalizzati dalle misure restrittive di contrasto della pandemia – afferma il sindaco Federico Balocchi – a loro si rivolge questo bando. Dopo il pacchetto straordinario di misure anticovid del valore complessivo di 800mila euro, varate dal Comune nel 2020, mettiamo a disposizione, con questa misura, ulteriori 30mila euro ricavati dai fondi sulla geotermia. E altre misure saranno varate dal Comune nel corso 2021»

La dotazione finanziaria messa a bando è pari a 30mila euro, mentre il contributo erogabile per ciascun richiedente ammonta ad un massimo di 1000 euro.

Non possono partecipare al bando i titolari di imprese percettori di redditi da pensione; inoltre, il valore ISEE deve essere inferiore ai 30mila euro.

La geotermia si conferma inoltre una preziosa leva in grado di favorire la diversificazione economica sul territorio, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo del comparto turistico locale.

Il Comune di Santa Fiora ha infatti destinato – anche in questo caso tramite un bando erogato da CoSviG – 100mila euro dei fondi sulla geotermia all’erogazione di contributi finalizzati ad incentivare l’apertura, l’ampliamento e la ristrutturazione delle strutture ricettive con sede nel territorio comunale.

«Santa Fiora ha registrato negli ultimi anni un trend positivo di turismo – osserva il sindaco Federico Balocchi – e questo ci riempie di soddisfazione ma, di fatto, mancano le strutture ricettive e abbiamo l’esigenza di aumentare i posti letto per rispondere correttamente a questa crescita. Abbiamo pertanto messo a bando una cifra importante, pari a 100mila euro, che ci auguriamo possa essere un buon incentivo per sostenere interventi che vanno in questa direzione».

Il contributo a fondo perduto avrà intensità massima pari al 30% delle spese di progetto: l’ammontare minimo delle spese rendicontabili dovrà essere 10mila euro, mentre il contributo massimo riconoscibile a ciascun richiedente non potrà comunque superare i 30mila euro.

In particolare, il contributo potrà essere richiesto per: ristrutturazione, anche con ampliamento, di immobili strumentali all’attività ricettiva, l’acquisto di arredi e serramenti; l’eliminazione di barriere architettoniche; spese per l’avvio di nuove imprese; l’acquisto di locali da adibire a strutture turistico-ricettive; il rinnovo, e adeguamento di impianti e attrezzature nel rispetto delle norme tecniche UNI EN; installazione e rinnovo di sistemi domotici e di termoregolazione; installazione e sostituzione di impianti di allarme e di prevenzione incendi; leasing con patto di acquisto; interventi di efficientamento energetico ed installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Per entrambi i bandi, la domanda di partecipazione dovrà essere inviata entro le ore 12 del 31 dicembre 2021 esclusivamente all’indirizzo pec posta@pec.cosvig.it: nell’oggetto del messaggio deve essere riportata, rispettivamente, la dicitura “SANTA FIORA CONTRIBUTO STRAORDINARIO COVID” oppure “SANTA FIORA BANDO 2021 ATTIVITÀ RICETTIVE”.

Per ulteriori informazioni sono disponibili i contatti santafiora@cosvig.it e 3668338509 (cellulare o Whatsapp).