Home Geotermia News Teleriscaldamento geotermico a Chiusdino: a che punto siamo? La parola alla sindaca...

Teleriscaldamento geotermico a Chiusdino: a che punto siamo? La parola alla sindaca Bartaletti

I lavori del primo stralcio per il capoluogo si avviano a conclusione, mentre grazie ad un recente accordo stipulato tra il Comune ed Enel Green Power il calore rinnovabile arriverà anche alla frazione di Montalcinello

177
0
CONDIVIDI
Luciana Bartaletti, sindaco di Chiusdino (SI)

Saranno presto otto i Comuni serviti dal teleriscaldamento geotermico in Toscana.

Dopo Castelnuovo Val di Cecina, Monterotondo Marittimo, Monteverdi Marittimo, Montieri, Pomarance, Radicondoli e Santa Fiora, sarà Chiusdino a beneficiare di un approvvigionamento di calore sicuro e rinnovabile.

I lavori per l’implementazione dell’opera stanno proseguendo alacremente nel capoluogo – dove presto si potranno apprezzare i primi risultati –, e grazie ad un accordo recentemente stipulato tra il Comune di Chiusdino ed Enel Green Power, potranno presto estendersi anche a Montalcinello.

La frazione è in realtà un antico borgo risalente al X secolo, che si situa alla periferia del comune di Chiusdino – dove l’industria geotermica si coniuga con alcune delle più apprezzate destinazioni turistiche dell’area, come l’abbazia di San Galgano –, ed è tra le più lontane dal capoluogo, con tutti i piccoli disagi quotidiani che questo comporta: tutti i principali servizi (scuola, posta, banca) sono infatti oggi nel capoluogo.

Ai confini della frazione rimangono invece le centrali geotermiche installate nel contiguo Comune di Radicondoli, e in particolare «una centrale costruita tanti anni fa e dunque con una struttura molto diversa rispetto a quella realizzata nel nostro Comune che sembra quasi una villetta, qualcosa di eccezionale», spiega la sindaca Luciana Bartaletti, appena confermata per il quarto mandato da Sindaco.

Da qui la spinta per realizzare il teleriscaldamento, come forte fattore qualificante per la frazione di Montalcinello.

«Come amministrazione abbiamo fatto presente questa situazione e devo dire – sottolinea la sindaca – che negli ultimi anni ho visto un forte cambiamento in Enel Green Power, in termini di crescente cura sugli aspetti ambientali delle centrali; le criticità che venivano segnalate ora sono oggetto di studio e interventi importanti da parte dell’azienda. A seguito di incontri che abbiamo fatto anche con la cittadinanza, Enel si è dimostrata molto sensibile alla realizzazione del teleriscaldamento, un modo per portare benefici a una zona che ha necessità di essere aiutata anche perché è stata caratterizzata da uno spopolamento, (non solo per quanto riguarda le frazioni ma, ndr) anche verso il capoluogo stesso dove vi sono più servizi. Devo ringraziare Enel perché credo che realizzare un’opera del genere per circa 100 utenti sia un intervento in primis di natura sociale, se si tiene conto della spesa complessiva per realizzare il teleriscaldamento, che in questo caso ammonta a 2-2,5 milioni di euro».

Nel dettaglio, Enel Green Power realizzerà la stazione di scambio primaria e la collettrice necessaria per trasportare il fluido caldo in prossimità del borgo, mentre il Comune si farà carico di realizzare la rete di distribuzione all’interno del Paese; la spesa sarà dunque divisa circa a metà, e il Comune potrà finanziarla interamente grazie ai proventi delle risorse geotermiche. «In questo momento c’è una forte collaborazione, Enel cerca sempre di realizzare tutte le strutture, gli impianti, tenendo conto del territorio e dell’ambiente in cui vengono inseriti», precisa la sindaca.

Nel mentre la geotermia si dimostra una risorsa capace di promuovere lo sviluppo sostenibile del territorio a tutto tondo, non solo tramite la produzione di elettricità rinnovabile.

Grazie a quest’opera, che si prevede possa essere realizzata entro il 2020, Montalcinello potrà arricchire la sua offerta turistica e offrire un servizio vantaggioso e ambientalmente sostenibile agli abitanti.

Possibilità che molto presto riguarderanno anche il capoluogo di Chiusdino, dove i lavori per la realizzazione del teleriscaldamento sono stati divisi «in due stralci. Il primo – dettaglia Bartaletti – è stato quasi terminato e mi auguro che nella prossima stagione si possa accendere il teleriscaldamento nella parte nuova del paese, dove sono presenti anche la scuola e la casa di riposo: un intervento importante. Il secondo stralcio è già stato assegnato tramite gara, e penso i lavori inizieranno a settembre. Complessivamente si parla di 8 milioni di euro di investimento da parte del Comune, anche in questo caso impiegando esclusivamente risorse provenienti dai fondi geotermici».