Home Geotermia News Piancastagnaio: il teleriscaldamento geotermico sarà presto realtà

Piancastagnaio: il teleriscaldamento geotermico sarà presto realtà

Iniziati i lavori del primo lotto. Il sindaco Vagaggini: «I benefici non saranno solo legati ai risparmi sul riscaldamento e corrente elettrica ma anche al mercato immobiliare, che vedrà un incremento sul valore delle case»

90
0
CONDIVIDI

La realizzazione del teleriscaldamento geotermico nel centro abitato di Piancastagnaio parte da lontano e adesso è realtà, come annuncia con soddisfazione il sindaco Luigi Vagaggini: dopo la firma per la convenzione siglata nell’ottobre 2017 al Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) proprio tra il primo cittadino ed Enel Green Power , adesso nel Comune amiatino sono iniziati i lavori relativi al primo lotto.

I lotti del teleriscaldamento

Si tratta di un’opera di grande rilevanza per il territorio per la quale si prevede un investimento totale di 8 milioni di euro, destinata ad estendere in maniera ancora più ampia e concreta ai cittadini del comune amiatino i benefici che la coltivazione della geotermia – risorsa rinnovabile naturalmente presente nel sottosuolo dell’Amiata – è in grado di apportare al contesto locale.

Il teleriscaldamento geotermico, infatti, permette di riscaldare gli ambienti domestici e gli esercizi commerciali, nonché di fornire acqua calda, a prezzi molto vantaggiosi, e di evitare le emissioni in atmosfera legate agli impianti di riscaldamento tradizionali.

In tutta Italia i principali fattori legati all’inquinamento atmosferico – con importanti ricadute in termini di impatti sulla salute – sono infatti il traffico veicolare e l’inadeguata climatizzazione degli edifici, e dalle più recenti analisi ARPAT risulta in particolare che in Toscana il 70% del PM10 primario è prodotto proprio dal riscaldamento domestico.

Un problema al quale il teleriscaldamento geotermico offre una soluzione proattiva.

«Ci scusiamo per gli inevitabili disagi recati dal cantiere alla popolazione residente, ma i benefici che porterà questo impianto saranno enormi per tutti – spiega il sindaco Vagaggini – Abbiamo deciso di iniziare i lavori dalla parte alta di viale Gramsci, per cercare perlomeno di evitare problemi nelle aree adiacenti alle scuole con l’anno scolastico ancora in corso. I benefici non saranno solo legati ai risparmi sul riscaldamento e corrente elettrica ma anche al mercato immobiliare, che vedrà un incremento sul valore delle case».

Vantaggi che con la realizzazione del teleriscaldamento saranno finalmente disponibili anche per il territorio di Piancastagnaio, dopo che simili impianti sono già attivi sul territorio nei Comuni geotermici di Castelnuovo Val di Cecina (PI), Monterotondo Marittimo (GR), Monteverdi Marittimo (PI), Montieri (GR), Pomarance (PI), Santa Fiora (GR) e, da poche settimane, anche a Radicondoli.

Nel frattempo a Piancastagnaio è già aperto presso la Casa comunale un ufficio dedicato al teleriscaldamento, in modo da offrire tutte le informazioni necessarie tecnico-economiche relative agli allacci, e dove è già possibile sottoscrivere i pre-contratti per la fruizione del servizio.