Home formazione L’Ateneo di Slow Food torna a studiare i territori geotermici toscani

L’Ateneo di Slow Food torna a studiare i territori geotermici toscani

Diciassette studenti dell’Università degli studi di Scienze gastronomiche sono in viaggio didattico tra le aziende della Comunità del cibo a energie rinnovabili

58
0
CONDIVIDI

Per l’Università degli studi di Scienze gastronomiche di Pollenzo, nata e promossa nel 2004 da Slow Food, i viaggi didattici sono uno strumento unico per comprendere la cultura gastronomica di una regione o di un paese. Un’esperienza costruita attorno alle comunità locali,che quest’anno si rinnova portando in Toscana 17 studenti del corso di laurea triennale – provenienti da Italia, Russia, Venezuela, Germania, Bulgaria, Etiopia –, con un programma completamente incentrato attorno alle aziende appartenenti alla Comunità del cibo a energie rinnovabili (Ccer) dell’area geotermica, allontanandosi solo per una tappa alla fattoria Il Lischeto di Volterra, ovvero la più recente affiliazione alla Ccer…continua