Home Geotermia News La geotermia vista dal MiTE nella Relazione annuale sulla situazione energetica nazionale

La geotermia vista dal MiTE nella Relazione annuale sulla situazione energetica nazionale

Mentre nel mondo le energie rinnovabili continuano a crescere nonostante la pandemia, in Italia il quadro è pressoché stazionario, geotermia compresa

163
0
CONDIVIDI

Mentre nel mondo le energie rinnovabili continuano a crescere nonostante la pandemia, in Italia il quadro è pressoché stazionario, geotermia compresa


Il ministero della Transizione Ecologica (MiTE) ha pubblicato l’ultima Relazione annuale sulla situazione energetica nazionale, incentrato su un anno profondamente segnato dalla pandemia: il 2020.

Nonostante la crisi sanitaria, nell’ultimo anno le rinnovabili hanno continuato a crescere in modo deciso: avvalendosi di dati IRENA, il MiTE documenta che la capacità complessiva installata nel mondo è pari a 2.799 GW, in crescita del 10,3% rispetto al 2019.

Le nuove installazioni (261 GW) sono costituite principalmente da impianti fotovoltaici (+127 GW), eolici (+111 GW) e idroelettrici (+20 GW); più contenuta, invece, la variazione incrementale delle potenze degli impianti a bioenergie (+2,5 GW), geotermici (+0,2 GW) e solare a concentrazione (+0,1 GW installati quasi totalmente in Cina).

Anche l’Europa (UE27+UK) ha contribuito al dato globale con +30,6 GW di potenza incrementale (+6,2% rispetto alla potenza 2019), mentre la Turchia mantiene in particolare il primato mondiale per nuova potenza geotermoelettrica (+99 MW su 164 MW totali); l’ultima centrale geotermica realizzata in Toscana (e in Italia) risale invece al 2014 (Bagnore 4).

Più in generale, è l’intero panorama delle rinnovabili a risultare piuttosto statico a livello nazionale.

Per quanto riguarda il settore elettrico, le stime preliminari Terna-GSE indicano per il 2020 una produzione elettrica da fonti rinnovabili intorno a 116 TWh, in lieve aumento rispetto all’anno precedente (+0,2%); per l’incidenza della quota di rinnovabili sul Consumo Interno Lordo di energia elettrica (CIL), si stima invece un incremento dal +35,1% al +37,2%.

La fonte idraulica, che si conferma quella maggiormente utilizzata in Italia (40% della generazione complessiva da FER), registra un incremento intorno a +1%; aumenta anche la fonte solare, in misura più rilevante (+5,3%), mentre si riduce sensibilmente la produzione da fonte eolica (-7,4%).

La fonte geotermica e le bioenergie si attestano, invece, su produzioni simili a quelle rilevate nel 2019: in particolare, dalla geotermia italiani sono arrivati circa 6 TWh di elettricità nel 2020.

Per quanto riguarda invece il settore termico nazionale, le stime preliminari relative al 2020 indicano un consumo di energia da rinnovabili pari a 422 PJ (10,1 Mtep); di questi, 381 PJ sono costituiti dagli impieghi diretti delle fonti, i restanti 41 PJ da calore derivato, associato principalmente agli impianti di teleriscaldamento.

Pur in flessione rispetto al 2019 (-4% circa), la fonte rinnovabile principale è costituita dalle bioenergie (312 PJ, pari a 7,5 Mtep), e in particolare dalle biomasse solide utilizzate per riscaldamento nel settore residenziale (legna da ardere, pellet), mentre dalla geotermia sono arrivati 6,3 PJ.