Home Cosvig Il GSE pubblica il Rapporto attività 2015: il dettaglio degli incentivi al...

Il GSE pubblica il Rapporto attività 2015: il dettaglio degli incentivi al settore delle rinnovabili

328
0
CONDIVIDI
Contravvenendo alla consuetudine che ne voleva la pubblicazione alla fine dell’anno successivo a quello di riferimento, viene pubblicato in questi giorni il Rapporto Attività 2015, consentendo di fare un bilancio sulla politica di incentivazione.

Fonte: Rinnovabili&Territorio

Autore: Redazione

Il GSE (Gestore Servizi Energetici) ha appena pubblicato il proprio Rapporto attività 2015, documento che riassume i dati relativi ai servizi erogati dalla società nell’anno appena concluso, e con essi un quadro degli incentivi concessi al settore delle energie rinnovabili in Italia.

I costi sostenuti dal GSE per l’incentivazione e, ove previsto, il ritiro dell’energia – circa 15 miliardi di euro nel 2015 – sono in parte compensati dai ricavi provenienti dalla vendita dell’energia ritirata. Nel 2015 il GSE ha collocato sul mercato 40 TWH minimizzando gli oneri di sbilanciamento nell’interesse della collettività e realizzando un ricavo superiore ai 2 miliardi di euro che ha coperto per oltre il 13% il costo dei meccanismi di supporto. La quantità di energia gestita si è ridotta rispetto al 2014 (47 TWh) a causa della chiusura di alcune convenzioni Cip 6/92 e RID.

In particolare, gli oneri di incentivazione delle fonti rinnovabili, finanziati tramite il gettito della componente tariffaria A3 sono diminuiti nell’ultimo anno, passando dai 13,4 miliardi di euro del 2014 ai 12,9 del 2015, soprattutto in virtù della diminuzione dell’onere Cip 6/92 (sul quale nel 2014 incisero anche le risoluzioni anticipate) che ha più che compensato il maggior onere per l’acquisto dei Certificati Verdi.