Home Cosvig Geotermia: Uso sostenibile, articolo premiato

Geotermia: Uso sostenibile, articolo premiato

76
0
CONDIVIDI
A un docente grossetano il prestigioso riconoscimento dell’Iga

Fonte: Il Tirreno, Cronaca di Grosseto

Autore: F.F.

La geotermia può essere sostenibile purché si studi bene il serbatoio dal quale si attinge la risorsa geotermica e si mettano a punto metodi che evitino di esaurirlo. È questo il contenuto dell’articolo che pochi giorni fa ha ricevuto il prestigioso “Iga best paper Award 2015”, premio internazionale messo in palio dalla International geothermal association, destinato agli autori di lavori particolarmente significativi relativi all’energia geotermica nel quinquennio 2010-2014. Un riconoscimento dietro al quale c’è anche un po’ di Grosseto. Alessandro Franco, docente di Fisica tecnica industriale all’università di Pisa, e autore dell’articolo con Maurizio Vaccaro, dottore di ricerca in Energetica elettrica e termica, ha infatti vissuto a Grosseto fino ai trent’anni e sempre qui ha frequentato il liceo scientifico Marconi. I due studiosi sono stati premiati per l’articolo “An integrated reservoir-plant strategy for a sustainable and efficient use of geothermal resources” pubblicato nel 2012 su Energy, che sintetizza i risultati di una ricerca sull’uso sostenibile dell’energia geotermica. «In questo articolo – spiega il professor Franco – abbiamo affrontato il tema con un approccio diverso. La geotermia non è una fonte rinnovabile: se la si usa in modo irrazionale, il serbatoio si esaurisce. Abbiamo preso ad esempio casi negativi in sud America, ma la maggior parte degli impianti a livello mondiale ha avuto questo problema. Per questo è importante un approccio non industriale ma di analisi». Un problema che si rischia di avere anche in Toscana? «Il caso della Toscana è anomalo – spiega Franco – rarissimo nel mondo. Il serbatoio si esaurisce quando c’è solo acqua; da noi c’è vapore, ed è diverso». Quanto ai nuovi progetti di centrali a ciclo binario, «senza entrare nel dettaglio, alcuni mi paiono effettivamente grossi, sproporzionati», conclude il professore.