Home Cosvig Geotermia, Rometti: “Per l’Umbria buone prospettive di sviluppo”

Geotermia, Rometti: “Per l’Umbria buone prospettive di sviluppo”

262
0
CONDIVIDI
Da uno studio realizzato dalla Regione, insieme alle Università di Pisa e Perugia si apre una buona possibilità per la geotermia come fonte di approvigionamento energetico

Fonte: Perugia Today.it

Autore: Perugia Today.it

Apertura in Umbria all’utilizzo di risorse geotermiche per la produzione di energia, visto che il territorio presenta una situazione decisamente favorevole all’utilizzo della risorsa che potrebbe costituire un’importante fonte di sviluppo per la green economy nella regione.

Questo è quanto emerge dai primi risultati del progetto di ricerca "Studio delle potenzialità geotermiche del territorio regionale umbro", avviato lo scorso marzo dal Servizio risorse idriche e rischio idraulico della Regione Umbria, realizzato in collaborazione con le Università di Perugia e Pisa.

"Dai primi risultati del progetto – spiega l’assessore Rometti – emergono buone prospettive per l’utilizzo delle risorse geotermiche. In pratica la geotermia, intesa come utilizzo del calore terrestre per la produzione di energia sia termica che elettrica, risulta essere una delle più importanti fonti rinnovabili disponibili per i futuri fabbisogni energetici. Il progetto si concluderà nel marzo 2013, ma gli elementi già rilevati individuano situazioni favorevoli evidenziando come il territorio umbro sia interessato da risorse geotermiche significative, in particolare nel settore occidentale, indicativamente ad ovest del corso del Tevere, da Città di Castello a Todi, e da Todi fino alla zona di Narni".

Temperature tra i 100 e i 200 gradi- Lo studio evidenzia che le temperature valutate per queste aree variano tra i 100 e i 200 gradi, per profondità comprese tra i 2 mila e i 4mila metri, mentre si possono raggiungere anche valori superiori ai 250 gradi a profondità intorno ai 5 mila metri. Elemento di ulteriore interesse è che le temperature entro i 4 mila metri sono collegate a serbatoi di rocce carbonatiche che presentano consistenti volumi di acque, rendendo particolarmente redditivi i processi di utilizzo geotermico di tali serbatoi.

ambiente ed occupazione- "L’Umbria – conclude l’assessore – si trova in una posizione favorevole per l’avvio della filiera che, non solo può incrementare la quota dell’energia verde nel rispetto del protocollo di Kyoto e della direttiva europea sull’energie rinnovabili, ma anche permettere di ottenere una grande quantità di energia termica a basso costo permettendo di ridurre i costi energetici di utilizzo pubblico e quelli legati alle attività produttive e alle aziende agroalimentari, rendendole più competitive nel mercato globale. Infine, la geotermia potrebbe contribuire a rendere maggiormente autonomo dal punto di vista energetico il territorio regionale, mentre dal punto di vista del lavoro comporterebbe consistenti sviluppi occupazionali".